Il Chief Design Officer di Apple Jony Ive è stato nominato “cancelliere” del noto Royal College of Art di Londra, considerata in assoluto la migliore università al mondo per l’arte e il design.Ive, che già nel 2009 aveva ricevuto un dottorato onorario dal Royal College of Art di Londra, si è detto entusiasta della notizia:

Sono felice di questa notizia, data la grande influenza che la RCA ha avuto su tanti designer e artisti che ammiro. Il nostro team in Apple comprende tante persone che hanno studiato lì e che portano con loro i grandi valori del Royal College of Art. Non vedo l’ora di far parte del consiglio e di confrontarmi con gli studenti, sperando che la mia esperienza sia utile per il loro percorso di studi.

Jony Ive inizierà a collaborare con il RCA a partire da luglio, con una posizione non retribuita. Il suo mandato da cancelliere durerà per cinque anni e prevede che Ive presieda alle riunioni e aiuti a gestire le decisioni operative dell’università.

Paul Thompson, rettore del Royal College of Art, ha descritto Ive come il più importante designer del mondo:

E’ un grande onore avere tra di noi il designer più importante del mondo nella sua generazione, visto che Ive ha prodotto tecnologie e dispositivi di design innovativi e apprezzati da milioni di utenti. Come cancelliere, Ive incarna gli ideali della tecnologia, della nostra università e dell’eccellenza del design, ispirando studenti e insegnanti.

Il ruolo di Ive sarà comunque part-time e lo vedrà coinvolto a riunioni occasionali. Si tratta, comunque, di un lavoro che lo terrà lontano da Cupertino e lo avvicinerà sempre di più al “suo” Regno Unito.

In queste ore, Ive è stato anche intervistato dalla BBC e ha parlato di design, Apple e diversità: “Alla Apple ci teniamo tantissimo a creare team diversificati, con talenti provenienti da ogni parte del mondo e senza alcun tipo di distinzione di sesso, età o religione. Nella Silicon Valley, la diversità culturale è un qualcosa che viene considerato speciale”. Con queste parole, Ive appoggia la posizione del CEO di Apple Tim Cook, che da sempre spinge per aumentare la diversità in azienda. Si tratta anche di un argomento molto attuale in questo periodo, visto che le politiche del presidente Donald Trump in materia di immigrazione contrastano con questa visione aperta di Apple e di altre aziende tech.

Jony Ive sostiene questa tesi, pur non facendo riferimento diretto a Trump: “Il principio della diversità è terribilmente importante per creare un contesto che consenta alle aziende di crescere e di esplorare nuovi sviluppi dei suoi prodotti e servizi. Inoltre, nella Silicon Valley c’è il senso che il fallimento non è irreversibile e che può aiutare per il futuro“.

Please follow and like us: