Può una struttura seppur importante mettere in crisi il mercato locale degli alberi? Quando si tratta di Apple, la risposta è sì.Come riportato dal San Francisco Chronicle, Apple ha intenzione di piantare 9.000 alberi nel suo nuovo Apple Park e questo sta mettendo pressione a tutto il mercato locale. Sembra infatti che diversi appaltatori che lavorano su altri progetti in tutta l’area di San Francisco avrebbero difficoltà a trovare alberi di qualità da poter piantare. Solo nelle ultime settimane, Apple avrebbe acquistato oltre 3.000 alberi di alta qualità, tutti presi da vivai locali. L’alto prezzo pagato da Apple ha convinto i vivai a velocizzare la fornitura di questi alberi, mettendo però in difficoltà altri appaltatori che hanno necessità di acquistare alberi dello stesso tipo.

Insomma, Apple sta frenando altri progetti che prevedono l‘utilizzo e l’installazione di alberi di alta qualità. I tanti alberi voluti da Apple servono a trasformare quello che era un ammasso di cemento ai tempi della HP in un grande spazio verde fruibile anche dai cittadini della comunità. Tra le varie scelte, ci saranno anche alberi di mela, albicocca, ciliegia, cachi e prugna.

Per quanto riguarda invece i parcheggi, lo stesso quotidiano fa sapere che il progetto è stato leggermente previsto e ora prevede ben 11.000 posti auto, più di quelli necessari per i soli dipendenti. Ci saranno due grandi garage, ognuno dei quali sarà dotato di pannelli solari. Il parcheggio più grande è situato proprio sotto l’anello principale, mentre il secondo si trova più a sud. Apple ha anche organizzato navette per chi non vuole usare l’auto, con l’obiettivo di farle utilizzare da almeno il 34% dei dipendenti.

Please follow and like us: