Nelle ultime settimane, Apple ha rimosso diverse applicazioni iraniane molto popolari su App Store al fine di rispettare le sanzioni imposte dal governo USA contro l’Iran.Proprio per le sanzioni da anni imposte dai vari governi USA all’Iran, Apple non ha mai venduto hardware o software nel paese. Tuttavia, fino ad oggi l’azienda non aveva mai bloccato gli sviluppatori e le aziende iraniane presenti su App Store con app disponibili in tutto il mondo. Le cose sono però cambiate nelle ultime settimane, come confermato dal New York Times: “Apple si sta muovendo in modo aggressivo per eliminare dall’App Store tutte le app create da aziende e sviluppatori iraniani. Questa decisione è stata presa per rispettare i blocchi imposti dal governo USA nei confronti dell’Iran”. 

Apple ha anche informato gli sviluppatori iraniani colpiti da questo blocco: “In base alle norme sulle sanzioni statunitensi, l’App Store non può ospitare, distribuire o fare affari con app o sviluppatori collegati a determinati paesi sotto embargo USA”. 

Un portavoce dell’azienda ha confermato la notizia, ma non ha rilasciato ulteriori commenti. Si tratta però di una notizia devastante per molti sviluppatori iraniani, che su App Store avevano pubblicato app usate anche nel resto del mondo. Tra l’altro, molte app erano usate anche da utenti iraniani che avevano comprato iPhone e iPad nel mercato nero o all’estero. A norma di legge, però, Apple è stata costretta a prendere questa decisione: le app generano introiti per residenti in Iran e violano quindi la legge americana.

Alcuni sviluppatori iraniani come Mahdi Taghizadeh, fondatore del servizio online di consegne DelionFoods, ha fortemente protestato su Twitter contro la decisione presa da Apple. Anche il ministro iraniano delle telecomunicazioni ha espresso tutta la sua preoccupazione a seguito della rimozione di queste app: “L’11% del mercato smartphone in Iran appartiene ad Apple. Con questa decisione, l’azienda non rispetta i diritti dei propri clienti che da sempre sono il pilastro portante di Apple. Ci muoveremo per vie levali al fine di far riammettere le app sullo store”. 

Please follow and like us: