Apple, Dell e Kingston sono i tre partner del gruppo guidato da Foxconn che ha fatto un’offerta per acquisire l’unità memorie di Toshiba, anche se le trattative sono ancora aperte anche ad altri offerenti.Come riportato da Reuters, il coinvolgimento di Apple è stato approvato da Tim Cook ed è stato formalizzato con la garanzia di un aiuto economico che consentirà alla Foxconn di offrire una somma adeguata per l’acquisizione del reparto memorie di Toshiba. Questo gruppo è formato anche da Dell e Kingston, ma Toshiba sta portando avanti altre trattative anche con Cisco, Google e Microsoft.

Toshiba dovrebbe annunciare una preferenza il 15 giugno, anche se il governo giapponese ha chiesto una deroga dato che sta allestendo un consorzio privato che dovrebbe presto presentare una sua offerta per l’acquisizione. Questo gruppo include anche il produttore americano Western Digital e sarebbe pronto a proporre un’offerta da 18 miliardi di dollari.

Il governo giapponese vorrebbe frenare l’offerta del gruppo Foxconn composto anche da Apple e Dell, visto che la stessa Foxconn è molto legata al governo cinese. L’acquisizione di Toshiba significherebbe trasferire importanti tecnologie fuori dal Giappone e darle in pasto alla Cina. Per allontanare ogni tipo di paura, il capo di Foxconn ha garantito che il consorzio guidato dalla sua azienda non ha capitale cinese e che la stessa Foxconn non avrà più del 40% delle quote.

L’attività memorie flash NAND di Toshiba è la seconda più grande al mondo e permetterebbe ad Apple di risparmiare importanti somme di denaro per la fornitura di questo componente su iPhone, iPad e Mac.

Please follow and like us: