Il tribunale di Milano ha confermato la sanzione inflitta a TIM dal Garante della Privacy. L’operatore è stato accusato di telemarketing illecito, infatti oltre 2 milioni di suoi ex clienti della rete fissa sono stati contattati nonostante avessero negato il consenso dopo la disdetta.La decisione del tribunale di Milano è particolarmente importante perché pone in primo piano la privacy degli utenti, non sempre rispettata. TIM ha ovviamente cercato di difendersi, ma a nulla è servito. Il giudice che si è occupato del caso ha infatti confermato che le chiamate dell’operatore avevano il solo ed unico scopo di riconquistare ex clienti, passati alla concorrenza.
Precisamente, TIM ha sfruttato il suo database che conta oltre 5 milioni di contatti. Tra questi, 2 milioni erano gli utenti che avevano negato il consenso ad essere ricontattati.

Please follow and like us: