Dal mese di aprile, Apple potrà finalmente vendere gli iPhone anche in Argentina, dopo 8 anni di blocchi dovuti alle leggi locali che vietano la vendita di alcuni prodotti alle aziende che non investono nel paese con appositi impianti di produzione.Le vendite potranno ripartire grazie alla decisione del presidente argentino Mauricio Macri, che ha riaperto al commercio internazionale. Cristina Fernandez de Kirchner, predecessore di Macri, aveva invece bloccato nel 2009 le vendite degli iPhone e di altri dispositivi esportati da aziende estere che non avevano impianti di produzione in Argentina.

Samsung aveva risolto il problema investendo subito nel paese e aprendo una fabbrica in Argentina, mentre Apple non ha mai effettuato un’operazione di questo tipo. Solo il cambiamento della legge permetterà ora ad Apple di riaprire le vendite degli iPhone in Argentina, con i primi pezzi che saranno disponibili nel mese di aprile. Apple dovrà comunque continuare a pagare tasse in più rispetto ai produttori locali o che investono nel paese, per ogni dispositivo venduto.

In questi otto anni, gli argentini non si sono comunque fatti mancare i vari iPhone, grazie ad un fiorente mercato nero sia online che presso alcuni negozi fisici.

Please follow and like us: