Ming-Chi Kuo è stato il primo a dichiarare che il prossimo iPhone avrebbe avuto uno schermo da 5,8″ insieme a tante altre caratteristiche che poi nel tempo si sono rivelate veritiere stando agli schemi ed i leak che abbiamo ottenuto nel corso di questi mesi. Lo stesso è accaduto anche negli anni precedenti con gli altri iPhone ormai in commercio.Insomma possiamo dire che l’analista di KGI ha sempre “indovinato” le caratteristiche degli smartphone di Apple ed oggi ha ribadito le sue 10 previsioni:

1. Ci saranno 3 nuovi modelli di iPhone: uno da 4,7″, uno da 5,5″ ed uno da 5,8″ con schermo OLED. Quest’ultimo avrà 5,2″ di display utilizzabile.

2. Il modello OLED sarà full-screen con uno dei più alti rapporti tra schermo e corpo. Questo significa che le cornici saranno davvero ridottissime e l’area non occupata dal display probabilmente sarà anche inferiore rispetto a quella dell’S8 di Samsung.

3. Il modello OLED supporterà il riconoscimento facciale grazie ad una fotocamera 3D che migliorerà anche la qualità dei Selfie

4. Il modello OLED e quello da 5,5″ avranno 3GB di RAM (necessari per la doppia fotocamera) mentre il modello da 4,7″ avrà 2GB di RAM.

5. Ci saranno tre storage differenti, partendo dai 64GB fino ai 256GB.

6. Tutti e tre i modelli avranno una porta Lightning, tuttavia nella confezione troveremo un caricatore USB-C in grado di assicurare una maggiore velocità di ricarica

7. Migliorerà la qualità audio dello speaker e dell’altoparlante creando un miglior effetto di suono stereo.

8. Per ragioni estetiche, il nuovo iPhone OLED sarà disponibile in pochi colori rispetto all’iPhone 7S e 7S Plus. Potrebbe significare soltanto in nero o al massimo nero e bianco. Non dovrebbero quindi esserci versioni gold e rose gold.

9. Apple dovrebbe lanciare tutti e tre i nuovi modelli di iPhone a Settembre. Gli OLED però dovrebbero essere pochissimi in maniera tale da non soffocare le vendite dei 7S e 7S Plus. Le scorte di OLED dovrebbero arrivare nel primo trimestre del 2018.

10. Si prevedono spedizioni di 80-85 milioni di iPhone entro la fine del 2017.

Extra: Kuo sostiene infine che il Touch ID integrato nello schermo non sia ancora affidabile e veloce. L’esperimento di Qualcomm e VIVO non ha la stessa qualità dell’attuale Touch ID quindi Apple non dovrebbe scegliere una soluzione di questo tipo.

Please follow and like us: